Eiaculazione precoce

Generalmente, se la cultura di appartenenza e alcune convinzioni personali ci suggeriscono l’opportunità di esercitare un certo controllo sull’eiaculazione, possiamo impararlo procedendo per prova ed errore nel corso della comune esperienza sessuale. Tuttavia, vi sono alcune differenti condizioni sfavorevoli che possono ostacolare l’apprendimento, tra le quali le più frequenti sono:

  • un’elevata reattività agli stimoli, che, ad ogni tentativo riduce drasticamente il tempo a disposizione per modificare l’esperienza sessuale orientandola verso una riuscita soddisfacente;
  • l’incapacità di prestare attenzione e riconoscere le afferenze percettive genitali, associate al dilagare dell’immaginazione, delle anticipazioni cognitive catastrofiche e della conseguente sensazione di allarme: tutti eventi che, per via ortosimpatica, facilitano la risposta riflessa dell’orgasmo;
  • la tendenza ad utilizzare strategie di evitamento dei segnali percettivi, riducendo ulteriormente la possibilità di controllarli (cercare di non sentire per ridurre l’eccitazione);
  • il timore di perdere l’amabilità e il valore dimostrando la propria incapacità, che spesso viene fraintesa dal partner come scarso coinvolgimento nel rapporto sessuale;
  • esperienze sessuali interpersonali con partner molto esigenti, svalutanti, falsamente rassicuranti o inesperte e disorientanti;
  • la paura di perdere una “base sicura” , deludendo la propria compagna;

Esistono molti “trucchi” (o meglio tecniche) che aiutano un uomo a concentrarsi sulle proprie sensazioni, a riconoscerle e un poco alla volta a modularle, ad esempio: “stop and go”, “manovre ponte”, “fading”, “coito inesigente”.

L’aspetto più complesso di un intervento per l’eiaculazione precoce non è però quello mansionale, bensì quello relazionale. Si tratta, infatti, di un trattamento che prevede l’attivarsi di un buon programma di cooperazione tra i due partner, i quali devono poter riconoscere con chiarezza come obiettivo congiunto il piacere derivante dal controllo acquisito insieme, lei accettando per un periodo più o meno lungo il “coito inesigente”, lui accettando di occuparsi di se stesso molto più di quanto fosse abituato a fare. Solitamente è molto difficile condurre questa terapia senza la presenza di entrambi i partner, almeno nelle sedute principali.

Unicamente nelle situazioni in cui vi siano impossibilità logistiche oppure la donna sia riluttante a partecipare alle sedute, è possibile tentare un intervento rivolto sempre alla coppia, ma gestito soltanto dall’uomo, il quale dovrà poi svolgere anche il compito di “messaggero”.

La prognosi, in termini generali, è molto sfavorevole quando la donna non ha accettato la terapia e la squalifica, la sopporta passivamente o, addirittura, la boicotta, ancorché in modo sotterraneo ed implicito.

Chi Siamo

intera
Presso il Centro di Psicologia Giuridica – Sessuologia Clinica – Psicoterapia di Padova ricevono i seguenti professionisti... 
Scopri Chi Siamo

Contatti

Per prendere appuntamento o per ricevere informazioni è possibile chiamare direttamente il Responsabile dell'area Consulenza Psicologica.

  • Telefono: 349.8632076

Google +

Dove Siamo

mappas
Il Centro Interattivamente si trova in Via Carlo Rezzonico, 22 – 35131 Padova.
Scopri dove siamo

Sei qui: Home Articoli psicologia Sessuologia Eiaculazione precoce