La preparazione psicologica dell'atleta

La preparazione psicologica dell'atleta è per molti aspetti necessaria quanto quella fisica, soprattutto se si tiene conto dei seguenti motivi:

  • Il pieno utilizzo delle potenzialità atletiche è subordinato alla “forma psicologica”;
  • La preparazione fisica ci assicura l’atleta, quella psicologica va oltre, garantendoci l’uomo;
  • La pratica agonistica può rivelarsi fonte di disadattamento. A tale proposito è da ricordare che la situazione competitiva, specie se ad alto livello, è estremamente stressante e carica di vissuti ansiogeni e frustranti che possono essere tollerati soltanto attraverso un’adeguata preparazione psicologica: cioè da soggetti a cui sia stato possibile far raggiungere una particolare condizione di equilibrio psichico e quindi in grado di fronteggiare il continuo stress emotivo della gara, le suggestioni del proprio carisma sportivo e le drammatizzazioni del tifo collettivo.

Qualsiasi atleta sa che la situazione agonistica funziona da “banco di prova”, mettendo in luce non solo i limiti della preparazione fisica ma anche la personale inadeguatezza e fragilità psicologica, che può essere accentuata dai problemi di relazione con la squadra, l’allenatore e l’ambiente sportivo: dati che non compaiono nei referti di valutazione fisiologica, né sulle relazioni tecniche, né sui resoconti giornalistici, ma che in effetti influenzano i risultati e il destino agonistico di ogni atleta.

Tra le diverse finalità della psicologia applicata allo sport c’è anche quella di aiutare l’atleta a migliorare la propria performance. Tale obiettivo può essere raggiunto direttamente o indirettamente, cioè attraverso metodi suggestivi e condizionanti (training autogeno, ipnosi, tecniche comportamentali, ecc.); oppure metodi cognitivi ad orientamento costruttivista (counseling, psicoterapia di gruppo o individuale ecc.).

La preparazione psicologica non ha come obiettivo il risultato, ma la creazione delle condizioni mentali e psicologiche ideali che favoriscono il conseguimento del risultato stesso contemporaneamente alla sua premessa fondamentale, che è appunto quella di poter contare sulla personalità equilibrata dell’atleta e su un clima psicologicamente favorevole all’interno della società sportiva: obiettivi raggiungibili soltanto dopo un lungo e meticoloso trattamento psicologico, che niente deve lasciare all’improvvisazione e alla genericità degli interventi.

La preparazione psicologica, non come fatto sporadico ma come intervento sistematico, deve essere programmata pur rispettando la flessibilità della situazione e delle contingenze.

Chi Siamo

intera
Presso il Centro di Psicologia Giuridica – Sessuologia Clinica – Psicoterapia di Padova ricevono i seguenti professionisti... 
Scopri Chi Siamo

Contatti

Per prendere appuntamento o per ricevere informazioni è possibile chiamare direttamente il Responsabile dell'area Consulenza Psicologica.

  • Telefono: 349.8632076

Google +

Dove Siamo

mappas
Il Centro Interattivamente si trova in Via Carlo Rezzonico, 22 – 35131 Padova.
Scopri dove siamo

Sei qui: Home Psicologia dello sport La preparazione psicologica dell'atleta