Sabato, 04 Maggio 2019 13:48

Il narcisimo e la società narcisistica

img800-narcisismo--perch-pu-essere-pericoloso-139953

 

Un mio Professore dell’Università di Padova, era solito ricordarci che il problema psicologico è sempre prigioniero del dato sociologico. Il termine narcisismo, infatti, descrive una condizione sia psicologica che culturale. A livello individuale indica un disturbo della personalità, caratterizzato da una esagerata considerazione della propria immagine (come sembro agli altri) a discapito della propria identità personale (come sono e come mi sento.). I narcisisti sono più preoccupati di come appaiono che non di cosa sentono. In realtà negano i sentimenti che contraddicono l’immagine che cercano. Agendo occultando a sé stessi i sentimenti, tendono ad essere seduttivi e manipolativi, aspirano a ottenere il potere e il controllo sugli altri. Sono esageratamente egoisti e presi dai loro interessi, mancano di un’espressione autentica di loro stessi e, recitando semplicemente il personaggio idealizzato con cui vogliono essere riconosciuti socialmente, sono privi di qualsiasi valore di rispetto dell’altro, empatia, dignità ed integrità. I narcisisti mancano del senso di sé che deriva dai sentimenti e dalla percezione del corpo. Senza di esso, la vita appare loro vuota e priva di significato. E’ una condizione desolata.

A livello culturale il narcisismo può essere visto come una perdita di valori umani: viene a mancare l’interesse per l’ambiente, per la qualità della vita, per i propri simili. Una società che sacrifica l’ambiente naturale al profitto e al potere rivela la sua insensibilità per le esigenze umane. La proliferazione delle cose materiali diventa la misura del progresso nel vivere e l’uomo viene opposto alla donna, il dipendente al datore di lavoro, l’individuo alla comunità. Quando la ricchezza occupa una posizione più alta della saggezza, quando la notorietà è più ammirata della competenza e della dignità e quando il successo è più importante del rispetto per se stessi, significa che la cultura stessa sopravvaluta l’ immagine e deve essere ritenuta narcisistica.

Il narcisismo dell’individuo corrisponde a quello della cultura. Noi modelliamo la cultura secondo la nostra immagine e a nostra volta siamo modellati dalla cultura.

Nel mio Centro assistiamo sempre più persone che non hanno emozioni, si sentono vuote, sono profondamente frustrate e insoddisfatte. Nonostante molti abbiano un discreto successo nel lavoro, la vita privata è caratterizzata da una sorta di desertificazione affettiva . La mancanza di sentimenti dà un’impressione di irrealtà riguardo a queste persone: sembrano sempre recitare loro stessi. Le loro prestazioni – sociali, sessuali, lavorative, ecc. - sembrano sempre troppo efficienti, troppo meccaniche, troppo perfette per essere umane. Funzionano più come automi, macchine, che come esseri umani.

I narcisisti sono caratterizzati dalla mancanza di umanità. Non sentono la tragedia di un mondo minacciato dalla catastrofe ambientale, non sentono la tragedia di una vita spesa a cercare di dimostrare il loro valore a un mondo indifferente, non sentono la tragedia della sofferenza inferta ai loro simili da un mondo sempre più alienato , semplicemente non sentono …

Quando la facciata narcisistica di superiorità e di unicità crolla e diventano consapevoli del senso di perdita e di tristezza, spesso è troppo tardi. Ricordo la storia di un uomo che venne da me in psicoterapia a cui diagnosticarono una malattia incurabile: davanti alla minaccia di perdere la vita, riuscì, per la prima volta, a vederla …

L’ipotesi che mi ha fortemente suggestionato è che il narcisismo denoti un grado di irrealtà nella persona e nella cultura. C’è in effetti qualcosa di assurdo in un modello sociale e di comportamento che pone il raggiungimento del successo al di sopra del bisogno di amare e di essere amati. C’è qualcosa di assurdo in una persona che non è a contatto con la realtà della sua esistenza e del suo essere – il corpo e i suoi sentimenti. E c’è qualcosa di assurdo in una cultura che inquina l’aria, l’acqua e la terra stessa, in nome di uno standard di vita più elevato, che chiamiamo progresso.

La chiave della psicoterapia è la comprensione. Senza di essa, nessun approccio o modello teorico o tecnica terapeutica ha senso o è efficace a livello profondo.

Solo con la comprensione si è in grado di offrire un aiuto concreto all’individuo come alla cultura.

Tutti i pazienti hanno un bisogno disperato di qualcuno che li capisca e li veda per ciò che essi sono. Da bambini non furono compresi e rispettati dai genitori, non venivano considerati individui con dei sentimenti, non venivano rispettati in quanto esseri umani. Lo psicoterapeuta che non riesce a capire la pena dei suoi pazienti, a sentire la loro paura e a conoscere l’intensità della loro lotta per difendere il proprio equilibrio in una situazione familiare che potrebbe condurli alla follia, non è in grado di aiutare efficacemente i pazienti a superare il disturbo narcisistico. Non è in grado di poterli aiutare così come anche la società in cui vive.

Pubblicato in Psicologia clinica
Martedì, 30 Aprile 2019 14:36

Etica e psicoterapia


La psicologia, almeno quale viene proposta oggi ai nostri studenti, consiste in un ammasso piuttosto confuso di cose di diverso genere che non trovano alcun reale punto di coordinamento. O, peggio ancora, lo trovano soltanto nel fatto “burocratico” che esiste un corso di laurea in psicologia e una serie di “ruoli sociali” che danno fisionomia ad una fantasmatica figura di “psicologo”, difficile da rappresentare in un immaginario collettivo condiviso e condivisibile.
Tuttavia, non è certamente il “dire” della psicologia a far problema. Nel suo “dire” ci sta infatti di tutto e il contrario di tutto e, dal punto di vista scientifico, gli psicologi si annullano a vicenda. Ma l’incertezza del “dire” non impedisce alla psicologia di situarsi in un “non detto” che la rende culturalmente operante, anche al di fuori di quello che il suo “dire” potrebbe autorizzare.
La psicologia, per farla breve, genera l’illusione di una scienza della vita soggettiva degli esseri umani. Di una scienza, cioè, che è difficilmente pensabile nei termini in cui siamo oggi abituati a pensare una scienza, in quanto il suo oggetto (la vita soggettiva) non può prodursi che per un soggetto determinato (colui che “vive” la propria “vita soggettiva”). Certamente la psicologia in quanto tale non formula in questi termini la propria questione e introduce, di fatto, varie specie di procedure congetturali idonee a far sorgere nuove forme di oggettualità in cui la “vita soggettiva” degli esseri umani diverrebbe “oggettivamente osservabile”.
In altri termini, la psicologia si occupa della vita soggettiva “come se non fosse soggettiva”.
Il fatto è che della vita soggettiva degli umani non esiste altro “sapere” che quello che il soggetto stesso può produrre. Ma non è solo nella forma di una “psicologia” che un tale “sapere” può trovare una configurazione. Si tratta, piuttosto, anche della forma di un’etica.
Forse c’è da sbigottirsi all’idea che si voglia riattivare quel concetto di etica che l’ha condotta a definirsi come bene vivendi scientia, ora come scienza del sommo bene, ora come scienza della felicità. Ciò può sembrare quanto meno inusitato, ma il fatto è che quello che qui interessa non è il modo in cui l’etica si è definita, ma ciò che di fatto essa è stata.
Noi abbiamo una vita fisica che può essere chiarita nei termini di una medicina, una vita economica che può essere chiarita nei termini dell’economia, una vita affettiva che può essere chiarita nei termini della psicologia, una vita morale che può essere chiarita nei termini di una scienza della morale, una vita sociale che può essere chiarita nei termini della sociologia, ecc. Detto diversamente, il nostro stesso vivere è diventato oggetto di una pluralità, sempre in espansione, di scienze e le più disparate. E’ come se noi non avessimo mai bisogno di riflettere in prima persona sul nostro stesso vivere perché, in ogni circostanza, c’è qualcuno che “ne sa più di noi” a cui possiamo rivolgerci per sapere come stanno le cose in termini supposti “scientifici”. Al limite di tutto questo, noi rischiamo di eclissarci in una sorta di fede acritica obnubilata ed obnubilante che esista un “corretto” modo di vivere, garantito da una sorta di sapere assoluto ed anonimo che si attualizzerebbe ora in questa scienza, ora in quell’altra. Ebbene, in questa specie di limbo, tutto avviene come se fosse chiarissimo a chiunque lo scopo e il perché del vivere umano, salvo, ovviamente, il fatto che di questo nessuno ne sa assolutamente nulla. Perché, naturalmente, di fronte a ciò, finiscono le competenze del medico, dell’economicista, dello psicologo, del sociologo, ecc. Una volta qui cominciavano le competenze dell’etica. Ma, oggi, diventata “scienza della moralità”, può anch’essa attribuirsi, come tutte le altre scienze, il diritto di non saperene nulla. Sia chiaro, non è che l’etica antica, circa il perché e lo scopo del vivere, ne sapesse qualcosa di più di quanto ne sappiamo oggi noi – anche se certamente non ne sapeva di meno; il fatto è che essa manteneva aperta, ad un livello fondamentale, la possibilità di interrogarsi sul senso del vivere nei modi non occasionali che sono propri di un compito razionale. In altre parole, e questo valga come definizione, l’etica era, e resta per noi, quel sapere in cui ciascuno prende ad oggetto il proprio stesso vivere … Ma, guarda caso, questo è il territorio in cui la psicoterapia oggi offre le proprie capacità di indagine.
Si è soliti dire che l’etica eudemonistica sia quella che ha di mira il raggiungimento della felicità. Con la parola felicità è pressoché impossibile oggi non indicare qualcosa che ha la natura di uno stato psicologico, cioè di una condizione più o meno occasionale della nostra cosiddetta “psiche”. Se prendessimo alla lettera l’etimologia corrente che propone Platone stesso nel Cratilo (in greco “eu daimon” significa “buon demone”), dovremmo concludere che l’etica eudemonistica è quella che muove alla ricerca di un demone, di quel buon demone capace di dare ai percorsi della vita di ciascuno le direzioni più proficue. E un demone è certamente qualcosa che si lascia pensare più nella forma di una particolare forza, di una particolare energia, di una capacità soggettiva, insomma, che in quella di uno stato o di una condizione. E qui credo sia un punto fondamentale della psicoterapia come ricerca del proprio ben-essere. Non ogni forma di letizia è eudaimonia, ma solo quella che corrisponde alla messa in atto di una precisa potenzialità soggettiva. Non è solo, dunque, lo stato di letizia rispetto alle cose del proprio vivere, ma anche e soprattutto la disponibilità della forza capace di generarla e mantenerla che determina la condizione di eudaimonia.
Il tema dell’eudaimonia rappresenta il terreno più ovvio in cui la riflessione etica potesse instaurarsi e l’eredità più feconda che la ricerca psicoterapeutica potesse ricevere in dono dalla Tradizione speculativa greca. Non è minimamente necessario tradurre il concetto con il termine di felicità per rendersi conto che la questione che essa instaura è quella della migliore condizione realizzabile del vivere in funzione delle possibilità razionali dell’essere umano. Il problema, quindi, resta in ogni caso quello di trarre utile da ciò che è possibile. Sarebbe curioso che qualcuno non si desse da fare per vivere alla meno peggio soltanto perché ritiene che la felicità sia irraggiungibile. Ma, forse, ancora più curioso è il caso di coloro che, pensando che la felicità sia come tale attingibile, si rendono perpetuamente infelici nel tentativo di raggiungerla. E ci sono buoni motivi per credere che proprio quest’ultima sia la variante più diffusa di cui sovente la psicoterapia si occupa.

Pubblicato in Psicoterapia

La psicoterapia non è solo “conoscere sé stessi” – per questa via si può anche camminare all’infinito senza mai raggiungere una meta - , bisogna, più propriamente, sperimentare, saggiare sé stessi all’interno di una relazione che è differente da quelle di cui facciamo quotidianamente esperienza, perché in nessun’altra relazione, solitamente, cominciamo a considerare come stanno le cose del nostro vivere.
“Che cosa suppongo di fare in ciò che faccio?”: è una domanda molto semplice che può essere posta riguardo alle più svariate vicende della nostra esistenza. Basta però avere un minimo di coraggio per fornirci una risposta, anche la più strana che ci venga in mente, perché un pezzo di strada sia già compiuto.

Lunedì, 22 Aprile 2019 16:38

La semplicità della psicoterapia ...

"Conosci tutte le teorie.
Domina tutte le tecniche.
Tuttavia per toccare un’altra anima umana,
devi semplicemente essere un’altra anima umana.”

(Carl Gustav Jung)

Chi Siamo

Logo centro sessuologia e psicologia interattivamente
Presso il Centro di Psicologia Giuridica – Sessuologia Clinica – Psicoterapia di Padova ricevono i seguenti professionisti... 
Scopri Chi Siamo

Contatti

Per prendere appuntamento o per ricevere informazioni è possibile chiamare direttamente il Responsabile dell'area Consulenza Psicologica.

  • Telefono: 349.8632076

Google +

Dove Siamo

mappas
Il Centro Interattivamente si trova in Galleria Giovanni Berchet, 4  – 35131 Padova.
Scopri dove siamo

Sei qui: Home Psicoterapia Aforismi, pensieri e citazioni sulla psicoterapia Visualizza articoli per tag: psicoterapeuta